Ricordando Amy Winehouse: Love&Rejection

Amy, Billie, Janice

LIVINGWOMEN

E’ incredibile quanto queste 3 donne non siano riuscite ad amarsi quanto è vero che non siano state amate.  Per questi stessi motivi sono state capaci di darsi completamente alla loro musica, al loro pubblico, ai loro amori: totalmente ed incondizionatamente. Sono state le sole vere interpreti delle loro canzoni come  delle loro vite reali.

Non misurare significa non proteggersi, essere carne viva alla mercè del mondo “fuori” anche se in tre periodi di questo secolo completamente differenti: gli anni Trenta e  Settanta negli Stati Uniti,  gli anni Duemila in Europa. Queste Signore hanno aperto uno squarcio nei clichè sociali che definiscono la donna. Sono ancora là a farsi osservare, interpretare, ammirare.  Forse finalmente capire. Come lo squarcio su tela, il solco, del pittore Fontana. Non è sempre necessariamente tutto lì, non necessariamente bisogna sempre capire tutto.

Donne libere. Donne sole. Che della loro libertà – pagata a caro prezzo – poi…

View original post 1.528 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...