Un Paese per vecchi

in Italia

LIVINGWOMEN

Credo che la crisi non sia un male di per sé.

A noi generazioni figlie della pubblicità e del consumismo, quelle con il motorino, il telefonino, la giacca della Moncler … insomma quelli fra i 20 e i 35 anni, la crisi ha tolto quel senso di “onnipotenza” tipico della mentalità costruita sulle fondamenta dello stile di vita del “consumo veloce”.

E infatti le cose sono cambiate eccome, non è più così facile e noi dovremmo raccogliere la sfida e re-imparare a saper insegnare ai nostri figli il valore del denaro, del sacrificio, del costruire. Come e forse più di prima rispetto ad altre generazioni che ci hanno preceduto dopo il boom economico.

Quello che però sento come un problema non è la crisi in sé ma la sensazione sempre più netta che l’Italia, che il mio Paese, si sia scordato di noi. Di un’ intera generazione.

Ti sei scordata…

View original post 268 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...