Lontane dal Paradiso…Far from Heaven

Tutta la violenza di questo tempo può comodamente nascondersi dietro a queste immagini pubblicitarie …

 

Sala Esposizioni Comune di Fai della Paganella dal 17 Agosto al 07 Settembre 2013

Orari: lunedì – giovedì 10.00 – 12.00 / 15.30 – 18.30

venerdì e sabato 10.00 – 12.00

 

a cura di Anna Grazia Giannuzzi e Marika Mottes, Viaggio storico con annotazioni-

opera di Isa Malfatti olio su tela

LIVINGWOMEN

Tutta la violenza di questo tempo può comodamente nascondersi dietro a queste immagini pubblicitarie …

Sala Esposizioni Comune di Fai della Paganella
dal 17 Agosto al 07 Settembre 2013

Orari: lunedì – giovedì 10.00 – 12.00 / 15.30 – 18.30 venerdì e sabato 10.00 – 12.00

a cura di Anna Grazia Giannuzzi e Marika Mottes,
con il contributo di Franca Zappella
per l’ Associazione Womenoclock

in collaborazione con Maccom per la grafica e con
l’Assessorato alla Cultura
del Comune di Fai della Paganella

opera di copertina di Isa Malfatti, olio su tela

Inaugurazione sabato 17 agosto ore 10.00

Viaggio storico con annotazioni-

Un viaggio per immagini che si svolge come un nastro, inseguendo l’idea che l’immagine di sé e la propria idea di donna si costruiscano anche attraverso l’immagine che la società ha avuto ed ha delle donne stesse.

Una selezione d’immagini dalla storia delle pubblicità sessiste, con un commento letterario…

View original post 533 altre parole

Annunci

Anche noi nel Festival dell’Economia o nell’economia del Festival…

FESTIVALECONOMIATRENTO 2013, MOSTRA LONTANE DAL PARADISO/FAR FROM HEAVEN EXHIBITION

Womenoclock

locandina 31-05-2013

 

Siamo in piccolo ma ci siamo, questo è l’importante! Grazie a tutti quelli che hanno già visitato la mostra e quelli che verranno a visitarla!

View original post

Uomini e Donne…oggi

f95122e361f6eb568946cb937708f5e3Piccole frustrazioni quotidiane.

LIVINGWOMEN

written by Io Donna

Da tutto il giorno nel mio cervello martella una domanda…
-Ma dove sono finiti gli UOMINI? .. Con tutte le lettere MAIUSCOLE?!?! A pensarci bene li trovo molto più effemminati, spaventati, camminata con il sedere ritto e lo sguardo perso chissà dove nel vuoto.

Niente contro i gay, per carità…Ma a noi DONNE,  chi ci resta? Esiste ancora l’uomo vero?

depp

E’ mai esistito?

Quello che ci hanno propinato per decenni attraverso spot pubblicitari e film da Blockbuster, quello che non deve chiedere mai (dove? a letto?!?!)…quello rassicurante e fiero, che ti porta a cena (e paga il conto senza incertezze imbarazzanti per entrambi) quello che ti fa sentire una Donna attraente – e non una mamma/sorella quando va bene – quando va peggio una BRAVISSIMA badante –
Non siamo esigenti noi Donne tutto d’un pezzo, noi che portiamo il peso di tutte le responsabilità, che facciamo…

View original post 206 altre parole

Segreti di Stile da Virginia Woolf

Segreti di Stile da Virginia Woolf

Gennaio: Ansia di Vita

« Chi mai potrà misurare il fervore e la violenza del cuore di un Poeta

quando rimane preso e intrappolato in un corpo di Donna? »

LIVINGWOMEN

 

I recenti fatti accaduti a Colonia, senza entrare nel merito del dibattito politico e religioso, mi fanno sentire in dovere di ricordare quanta strada è stata fatta dalle donne in Europa ed in Occidente. Anche qui la strada verso l’emancipazione, intesa come volontà di diventare più libere di manifestare sé stesse, non è stata un percorso né ovvio né semplice. Ricordiamo queste donne, i loro talenti, le loro fatiche, il loro disagio, la loro caparbietà ed il loro coraggio nel manifestarli e manifestarsi, nonostante tutto. Ricordiamo tutti, uomini e donne, quanto dovremmo essere più fier* e consapevoli della strada percorsa insieme sin qui. E di quanto siamo ancora, uomini e donne, lontan* dal Paradiso. C’è ancora tanta strada da fare davanti a noi, insieme.

Italian/English -liberamente tradotto 

“Io credo che se vivessimo ancora cent’anni o giù di lì ( – sto parlando della vita comune, che è la vita…

View original post 934 altre parole

Vacanze da sòle

Secondo me la verità é che diamo fastidio noi sòle: non ci intoniamo bene con l’albero… e se qualcuno non sòlo magari un po’ brillo sai le Feste ci becca sotto il vischio ed è costretto a baciarci? e poi dài ragazza sòla quei tacchi e lascollatura e che trucco pesante e tutto quell’oro e poi si vede che ci hai ci hai dato dentro con tutto quel punch al mandarino (sai non ha più nessuno ma però è pure un po’ zoccola!) e tu maschietto sòla con la camicia slacciata o la cravatta troppo vistosa e la caviglia provocante fasciata dal calzino in seta bordeux in vista che fai gli Auguri a tutte sorridendo (gli uomini sono tutti uguali!):Ma non lo sappiamo noi sòle che il Natale si festeggia in famiglia?Lo sappiamo.
 

LIVINGWOMEN

DEL PERCHE’ NON E’ PREVISTO UN PROTOCOLLO “NATALE DA SòLE”

Sòla

il -, persona poco affidabile. La -, fare o subire una -, inganno, raggiro. Romano.

(il giochino di parole vale sia al maschile che al femminile. Femmine, maschi: nessuno/a escluso/a. Machevelodicoafare? #benvenutinelmagicomondodellesòle)

Questo titolo mi piace talmente che sarà difficile rendergli onore. Per il momento è ciò che mi è piaciuto di più di questa vigilia di Natale. E comunque il connubio sola/sòla è meraviglioso. La sola cosa in cui mi sono identificata nell’attesa frenetica dell’arrivo di queste Feste.

La premessa è che il Natale io l’ho sempre atteso, anelato, preparato, addobbato, amato.

Io, per le amiche la Regina del non convenzionale, lo confesso: ho un “soft spot” per le Feste Natalizie. E anche per tutti gli annessi & connessi: smancerie con amici e famigliari, regalini inutili, lucine, nevicate eccezionali, sperare in un bacio inaspettato sotto al vischio, punch al mandarino…

View original post 406 altre parole

International Day for the Elimination of Violence against Women

Oltre agli abusi e alle violenze sessuali, esistono forme più subdole ed “invisibili” di violenza: come si parla, pubblicamente e privatamente, delle e alle donne?

LIVINGWOMEN

Sulla giornata internazionale contro la violenza verso le donne ne sono state dette molte, di parole.

A noi è piaciuta l’idea di riuscire a dire ciò che c’è di importante da sapere sul nostro Paese e sulla realtà vissuta dalle donne in questa parte del mondo silenziosamente –

L’Italia è un Paese strillone,  caciarone, che sta sempre passivamente in polemica con qualsiasi avvenimento.

Spesso gridando disordinatamente ai quattro venti concentrati di superficiali ovvietà (politiche e calcistiche,  perlopiù). Dimentico dell’efficacia della riflessione, che spesso accompagna verso la maturazione di un progetto.

All’agire. 

Riflettiamo silenziosamente su come spezzare un certo, quello sì,  

dannato silenzio

 Nel 2011 Genova Palazzo Ducale Fondazione Cultura ha realizzato questo video in collaborazione con Genova Città Digitale. 

Oltre agli abusi e alle violenze sessuali, esistono forme più subdole ed “invisibili” di violenza: come si parla, pubblicamente e privatamente, delle e alle donne?

About the International Day…

View original post 229 altre parole

Una su mille ce la fa (alle altre, bona sopravvivenza) di Daria Bignardi

Buona sopravvivenza –

LIVINGWOMEN

Pienamente condiviso, tratto dalla Rubrica Barbarica di Vanity Fair:

Una su mille ce la fa (alle altre, buon anno scolastico)

Questa settimana ricomincia la scuola e la Sschiava (si pronuncia con la «sc» di scema, come sanno i lettori di Non vi lascerò orfani) non sa se tirare un sospiro di sollievo o farsi il segno della croce. In vacanza la Sschiava ha cucinato a pranzo e cena, e non solo a cena come quando i figli vanno a scuola, e si è sorbita in diretta – invece che in differita come il resto dell’anno – litigi con coetanei, capricci e contrastanti esigenze dei componenti della famiglia.

La Sschiava è una madre sentimentale, caotica, arcaica e poco furba che si affanna cercando di fare tutto e preferisce strafare – per magari poi recriminare – piuttosto che abbandonare figli e marito al loro destino. Fino a…

View original post 434 altre parole

Ricordando Amy Winehouse: Love&Rejection

Amy, Billie, Janice

LIVINGWOMEN

E’ incredibile quanto queste 3 donne non siano riuscite ad amarsi quanto è vero che non siano state amate.  Per questi stessi motivi sono state capaci di darsi completamente alla loro musica, al loro pubblico, ai loro amori: totalmente ed incondizionatamente. Sono state le sole vere interpreti delle loro canzoni come  delle loro vite reali.

Non misurare significa non proteggersi, essere carne viva alla mercè del mondo “fuori” anche se in tre periodi di questo secolo completamente differenti: gli anni Trenta e  Settanta negli Stati Uniti,  gli anni Duemila in Europa. Queste Signore hanno aperto uno squarcio nei clichè sociali che definiscono la donna. Sono ancora là a farsi osservare, interpretare, ammirare.  Forse finalmente capire. Come lo squarcio su tela, il solco, del pittore Fontana. Non è sempre necessariamente tutto lì, non necessariamente bisogna sempre capire tutto.

Donne libere. Donne sole. Che della loro libertà – pagata a caro prezzo – poi…

View original post 1.528 altre parole

Mrs Right&MrWrong

Non c’è niente come la donna giusta per farti sentire l’uomo sbagliato.

There is nothing like the right woman to make you feel the wrong man.

(Ivan dalla Mea)

– e viceversa –

(M.K.)

LIVINGWOMEN

Non c’è niente come la donna giusta per farti sentire l’uomo sbagliato.

There is nothing like the right woman to make you feel the wrong man.

– e viceversa –

“Roses”

See today I’m having one of them days where
I just don’t want to be bothered,
but it seems like you can’t understand that because it’s your way or no way,
but check this out
And I’m really,  really sick and tired of you steppin’ into my little box
When I just don’t want to be bothered okay,  so check this out.

I’ve had my ways, and I’ve had my share of ups and downs.
I’ve been in trouble, and I couldn’t tell my ups from downs
I’ve been your baby,  and I don’t know why it don’t seems like that no more

welcome to this new definition of love:

It ain’t all roses hey,
flowers imposing hey
said it…

View original post 276 altre parole