Uomini e Donne…oggi

f95122e361f6eb568946cb937708f5e3Piccole frustrazioni quotidiane.

LIVINGWOMEN

written by Io Donna

Da tutto il giorno nel mio cervello martella una domanda…
-Ma dove sono finiti gli UOMINI? .. Con tutte le lettere MAIUSCOLE?!?! A pensarci bene li trovo molto più effemminati, spaventati, camminata con il sedere ritto e lo sguardo perso chissà dove nel vuoto.

Niente contro i gay, per carità…Ma a noi DONNE,  chi ci resta? Esiste ancora l’uomo vero?

depp

E’ mai esistito?

Quello che ci hanno propinato per decenni attraverso spot pubblicitari e film da Blockbuster, quello che non deve chiedere mai (dove? a letto?!?!)…quello rassicurante e fiero, che ti porta a cena (e paga il conto senza incertezze imbarazzanti per entrambi) quello che ti fa sentire una Donna attraente – e non una mamma/sorella quando va bene – quando va peggio una BRAVISSIMA badante –
Non siamo esigenti noi Donne tutto d’un pezzo, noi che portiamo il peso di tutte le responsabilità, che facciamo…

View original post 206 altre parole

L’Aspirante…The Applicant

L’aspirante

Prima di tutto ce li hai i requisiti?
Ce l’hai?
Un occhio di vetro, denti finti o una gruccia.
Un tirante o un uncino,
Seni di gomma, inguine di gomma,

Rattoppi o qualcosa che manca? Ah
No? E allora che mai possiamo darti?
Smetti di piangere
Apri la mano.
Vuota? Vuota. Ma ecco una mano

Che la riempie, disposta
A porgere tazze di tè e sgominare emicranie,
E a fare ogni cosa che gli dirai,
La vorresti sposare?
E’ garantita,

Ti tapperà gli occhi alla fine della vita
E del dolore,
Con quel sale ci rinnoviamo le scorte.
Vedo che sei nuda come un verme –

Un po’ rigido e nero, ma niente male,
Lo vorresti sposare?

E’ impensabile, in frantumabile, abile
Contro il fuoco e imbombardabile
Credi a me, ti ci farai sotterrare.

E adesso, scusa, hai vuota la testa
Ho la cosa che fa per te.
Su, su, carina, esci fuori dal guscio.
Ecco, ti piace questa?
Nuda per cominciare come una pagina bianca.

Ma in venticinque anni d’argento,
D’oro in cinquanta, potrà diventare,
Una bambola viva, sotto ogni aspetto.
Sa cucire, sa cucinare,
Sa parlare, parlare, parlare.

E funziona, non ha una magagna,
Qua c’è un buco, che è una manna.
Qua un occhio, una vera visione.
Ragazzo mio, è l’ultima occasione.
La vorresti sposare, sposare, sposare?
Sylvia Plath

( “Almanacco dello Specchio” n. 5, 1976, a cura di Marco Forti, Mondadori)